22 giugno
L'ALMANACCO PULP dei Mutzhi Mambo 
Se uno vuol fare il rocker sa che non farà una vita sana e deve mettere in conto che esiste la possibilità concreta di andarsene anzitempo per via delle "malattie professionali" come gli incidenti on the road, i fans armati e, soprattutto, gli abusi di alcol e droga. Detto questo, comunque ventiquattro anni sono veramente pochini pochini: era questa l'età che aveva il 22 giugno del '77 PETER LAUGHNER, quando ci ha lasciato per una brutta pancreatite dovuta agli abusi. Chitarrista seminale col mito di Velvet Underground e Stooges nel cuore, annoverato fra i padri del punk e della new-wave, militò nei Rocket from the Tombs e fu fondatore del gruppo art rock dei Pere Ubu. Non molti si ricorderanno di lui ma i pezzi che ha suonato rimangono nella storia della musica marcia: roba tipo Final Solution, So cold e Ain't fun si impongono in qualsiasi raccolta di vera musica rock'n'roll che si rispetti!

La citazione del giorno è una descrizione bella splatter ma di classe:
"Ricordava il ribrezzo che le zaffate dolciastre avevano diffuso in tutta la villa prima che ne venisse rimossa la causa: il cadavere di un giovane soldato del 5° Battaglione Cacciatori che, ferito nella zuffa di S. Lorenzo contro le squadre dei ribelli era venuto a morire, solo, sotto un albero di limone. Lo avevano trovato bocconi nel fitto trifoglio, il viso affondato nel sangue e nel vomito, le unghia confitte nella terra, coperto dai formiconi; e di sotto le bandoliere gl'intestini violacei avevano formato una pozzanghera. Era stato Russo, il soprastante, a rinvenire quella cosa spezzata, a rivoltarla, a nascondere il volto col suo fazzolettone rosso, a ricacciare con un rametto le viscere dentro lo squarcio del ventre, a coprire poi la ferita con le falde verdi del cappottone; sputando continuamente per lo schifo, non proprio addosso ma assai vicino alla salma."
Tomasi Di Lampedusa - Il Gattopardo

Peter Laughner.jpg